Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)French (Fr)Español (Es)Nederlands (NL-nl)

Fronte Scuola

News Letter

Iscriviti inserendo la tua e-mail per ricevere tutti i nostri eventi e le novità che verranno organizzati all'interno dell'area protetta.

Facebook



Login



Astore PDF Imprimer Envoyer
There are no translations available.

Astore
Nome Scientifico Accipiter gentilis

 

Classe Uccelli
Ordine Falconiformi
Famiglia Accipitridi
Dimensioni Lunghezza: maschio 50 cm, femmina 60 cm;
apertura alare 98-117 cm;
peso: maschio 500-1100, femmina 800-1350 gr.

 

alt IDENTIFICAZIONE E COMPORTAMENTO
L’Astore è uno dei più eleganti rapaci europei, presenta una colorazione scura superiormente, color bruno cenere, mentre la parte inferiore è biancastra, anche se finemente barrata. Il sottocoda è bianco puro, la coda è fortemente barrata di scuro, il becco è bluastro e le zampe e i piedi sono gialli. I giovani sono meno scuri superiormente dove tendono al marrone e di un bel colore fulvo caldo nelle parti inferiori. Le ali corte e arrotondate e la lunga coda che usa come un timone gli consentono di volare velocemente tra le chiome degli alberi a bassa quota, alternando potenti e rapidi battiti d’ala e lunghe planate, e di catturare le prede, che divora sul terreno. Ha un dimorfismo sessuale accentuato, con la femmina evidentemente più grande, questo anche per limitare la competizione alimentare tra i sessi.
 
 
 
alt VOCE
Generalmente silenzioso, emette un kik-kik-kik più forte di quello dello sparviero e, in vicinanza del nido, ma solo se non teme la vicinanza di intrusi, un miagolio più aperto e meno prolungato di quello della poiana.
 
 
 
alt HABITAT
Tipico degli ambienti forestali, sia di pianura che di montagna, con fustaie e grandi alberi, anche radi e interrotti da radure e coltivi.
 
 
 
alt ALIMENTAZIONE
Si nutre soprattutto di uccelli, ma anche di mammiferi, di solito dalle dimensioni di un tordo fino a quelle di piccione, ma può catturare anche animali più grandi, come un Gallo forcello o una Lepre.
 
 
 
alt RIPRODUZIONE
In febbraio-marzo inizia il corteggiamento con spettacolari voli di coppia: è la femmina a costruire il nido di rametti molto in alto su un albero, e vi depone 3-4 uova bianche o azzurrine ovoidali, talvolta venate di ruggine. E’ sempre la femmina a covarle per 35-38 giorni: i piccoli vengono accuditi da entrambi i genitori, il maschio porta le prede al nido e la femmina le distribuisce. Lo stesso nido può essere usato per diversi anni.
 
 
 
alt STATUS E CONSERVAZIONE
E’ distribuito in Italia lungo l’arco alpino, la dorsale appenninica e la Sardegna, dove è presente con la sotospecie Accipiter gentilis arrigonii: la conservazione di questa specie è strettamente legata alla conservazione di fustaie indisturbate e alla creazione di aree protette dove possa essere al riparo dalla caccia indiscriminata.