Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)French (Fr)Español (Es)Nederlands (NL-nl)

Fronte Scuola

News Letter

Iscriviti inserendo la tua e-mail per ricevere tutti i nostri eventi e le novità che verranno organizzati all'interno dell'area protetta.

Facebook



Login



Granchio d'acqua dolce PDF Imprimer Envoyer
There are no translations available.

Granchio d'acqua dolce

 

Nome Scientifico Potamon fluviatile

 

Classe Crostacei
Ordine Decapodi
Famiglia Astacidae
Dimensioni Lunghezza: 41 mm;
larghezza: 50 mm.

 

alt IDENTIFICAZIONE E COMPORTAMENTO
Il granchio di fiume, dotato di cinque paia di zampe, vive nei corsi d’acqua non interessati da alcuna forma di inquinamento: trovandosi infatti al vertice delle catene alimentari accumula nel suo corpo eventuali sostanze inquinanti come insetticidi e metalli pesanti che presenti con basse concentrazioni nelle prede lo conducono, se presenti in eccessive quantità, lo portano alla morte. La sua presenza è quindi garanzia di assenza di inquinamento e di catene alimentari complesse formate da numerosi organismi. Il granchio di fiume vive in tane scavate negli argini dei fiumi, oppure sotto i sassi sommersi dall’acqua dove trascorre la giornata per uscire all’imbrunire alla ricerca di cibo.
 
 
 
alt HABITAT
Corsi d’acqua a corrente lenta privi di inquinamento e con acque ricche di ossigeno, ma anche nei fossi, nei laghi di diverse dimensioni e nelle risaie, purchè non inquinati.
 
 
 
alt ALIMENTAZIONE
Piccoli animali o resti di carogne.
 
 
 
alt RIPRODUZIONE
Le femmine depongono in primavera uova del diametro di 3 millimetri da cui nascono larve ad uno stadio molto avanzato, con zampe e occhi già sviluppati. Le larve vivono sotto al ventre della madre fino a quando hanno terminato il loro sviluppo, per poi affrontare una vita indipendente.
 
 
 
alt STATUS E CONSERVAZIONE
Il granchio d’acqua dolce, fino a poche decine di anni fa piuttosto comune, è ormai molto raro in Italia, a causa dell’inquinamento. In Italia è presente dall’Italia settentrionale, dove arriva fino alla Liguria orientale e al Veneto, fino alla Sicilia, all’estero si incontra in Grecia, Albania e Dalmazia.