Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)French (Fr)Español (Es)Nederlands (NL-nl)

Fronte Scuola

News Letter

Iscriviti inserendo la tua e-mail per ricevere tutti i nostri eventi e le novità che verranno organizzati all'interno dell'area protetta.

Facebook



Login



Salamandra pezzata PDF Imprimer Envoyer
There are no translations available.

Salamandra pezzata

 

Nome Scientifico Salamandra salamandra

 

Classe Anfibi
Ordine Urodeli
Famiglia Salamandridae
Dimensioni Lunghezza: 20 cm, eccezionalmente fino a 28 cm.

 

alt IDENTIFICAZIONE E COMPORTAMENTO
Una salamandra inconfondibileper la colorazione della pelle, nera lucida con macchie gialle vistose e disposte disordinatamente. con corpo cilindrico dotato di corte zampette, testa grande e poco schiacciata, coda lunga a sezione rotonda. Questi colori così vistosi servono alla salamandra per segnalare ai predatori di essere un’animale particolare che non ha bisogno di occultarsi perché dotato un altro strumento di difesa: si tratta del liquido urticante che la sua pelle secerne di continuo e che ustiona le mucose della bocca di lupi, gatti selvatici, volpi e mustelidi che avesse l’ardire di addentarla. Questo liquido urticante ha fatto nascere su questa specie, per il resto assolutamente innocua, leggende prive di ogni fondamento, ma è in realtà un ottimo strumento di difesa: soltanto allo stato larvale infatti questa specie deve guardarsi dagli attacchi di pesci e biscie d’acqua. Le salamandre sono solitarie per gran parte dell’anno: il freddo o la siccità le fanno rifugiare in anfratti profondi di tronchi, rocce e terreno alla ricerca dell’umidità e del tepore necessari alla loro sopravvivenza, ed è quindi possibile incontrale soprattutto tra la primavera e l’autunno dopo forti piogge, in particolare di notte o all’alba.
 
 
 
alt HABITAT
Boschi umidi collinari, prealpini, alpini e appenninici, di solito fino a 1000 metri di quota, talvolta fino a 1800 m.
 
 
 
alt ALIMENTAZIONE
Vermi, anellidi, piccoli crostacei, larve di insetti.
 
 
 
alt RIPRODUZIONE
Durante l’estate e l’autunno maschi e femmine si incontrano e i primi corteggiano le seconde passando sotto il loro corpo prima di deporre una o più spermatofore che la loro compagna assorbe nella sua cloaca per riporle in una sacca dove le conserverà a lungo. La fecondazione avviene successivamente e le uova si sviluppano nel corso dell’anno: in autunno i piccoli sono ormai completamente formati sotto la pellicola che costituisce il guscio dell’uovo e la rompono. Il parto, di solito di 20-60 piccoli, ma anche più numeroso, avviene nella primavera inoltrata o d’estate: la femmina immerge la parte posteriore del corpo in un ruscello e lascia cadere nell’acqua i piccoli. Questi alla nascita sono marroni e lunghi poco più di due centimetri, ma in pochi mesi divengono lunghi 4-5 cm, assumono la colorazione marmorizzata e le branchie si riassorbaono, sotituite dai polmoni; la pelle diviene nera e le macchie marmorizzate virano verso il giallo.
 
 
 
alt STATUS E CONSERVAZIONE
La salamandra pezzata vive, anche se con diverse sottospecie, in quasi tutta Europa, lungo le coste dell’Algeria e della Tunisia e del vicino oriente. In Italia è presente su tutta la catena alpina e sugli Appennini, mentre manca in Sardegna e Sicilia: le catture dei collezionisti e la distruzione degli habita sono le minaccie maggiori per questa specie.